Alghe e alghe verdi, alghe filamentose in acqua

Le alghe ricoprono il terreno, le alghe verdi galleggiano sulla cima.

Cosa sono le alghe?

Le alghe sono organismi vegetali bassi, che vivono per lo più in acqua, organizzati come organismi unicellulari o come organismi multicellulari. Il nome “alga” è un termine colloquiale, non biologico.

Più di 3 miliardi di anni fa la vita è iniziata con le prime creature verdi, gli arcaebatteri e i cianobatteri. Queste sono chiamate anche alghe blu-verdi.

Di cosa hanno bisogno le alghe per vivere?

Le alghe non hanno bisogno di molto per vivere. Sostanze nutritive dell’acqua come fosfato e nitrato, ma soprattutto la luce solare è sufficiente per loro.

Come nascono le alghe?

Le alghe producono biomolecole da acqua e anidride carbonica. La sostanza verde chlorophfeyll, che converte la luce solare in energia (fotosintesi), è presente nelle cellule delle alghe. Con l’aiuto della luce, dell’anidride carbonica (CO2) e dei sali nutritivi (fosfato, nitrato, ecc.) la sostanza cellulare dell’alga cresce e produce grassi, proteine e zuccheri.

L’alga è divisa in diversi gruppi:

  • Procarioti – organismi senza nucleo cellulare. Le alghe procariotiche sono chiamate cianobatteri, alghe blu-verdi o alghe striscianti.
  • Eucarioti o eucarioti – organismi con nucleo e membrana cellulare, circa 10-100 volte più grandi dei procarioti.
  • Le alghe eucariotiche sono tutte le altre alghe: Alghe verdi, alghe brune, alghe brune, diatomee, euglenophyceae, dinoflagellati, crisofile, aptofile, criptofile e molti altri.

Alghe verdi e alghe filamentose

Zu den Grünalgen gehören auch die Fadenalgen welche sich im Teich bei Nährstoffüberangebot und seichtem Wasser gerne ausbreiten, zur Plage werden.
Alghe verdi e alghe filamentose nei laghetti da giardino

Le alghe verdi comprendono anche le alghe filamentose, che formano le pianure fangose di alghe verdi e sono molto comuni negli stagni. Nella classificazione classica delle alghe, le alghe cloromonadofite, le alghe giallo-verdi, le alghe dorate, le diatomee e le alghe brune sono classificate come eterocontofite.

Le alghe filamentose sono a volte indicate come alghe filamentose o schiuma dello stagno. Si presentano come sottili fili verdi che formano tappeti galleggianti e spesso vengono spostati attraverso lo stagno dal vento. Queste alghe si trovano spesso su rocce, alberi allagati, altre piante acquatiche e pontili.

Le alghe macrofite assomigliano a vere e proprie piante perché sembrano avere un fusto e foglie e sono radicate nel terreno. Un’alga macrofita che si verifica frequentemente è chiamata chara o erba muschiata (a causa del suo forte odore muschiato). Chara si sente ruvida al tatto a causa dei depositi di calcare sulla sua superficie. Questo le ha dato un altro nome spesso usato – radice di pietra.

Problemi di alghe

Per la maggior parte, le alghe sono di scarso valore per il vostro laghetto o lago. Le forme filamentose (alghe filamentose) e il plancton hanno un tasso di riproduzione gigantesco e la loro morte improvvisa può causare una carenza di ossigeno. L’ossigeno necessario per i pesci negli stagni e nei laghi può essere fornito da altre piante acquatiche nella vasca che prospererebbero senza la concorrenza delle alghe.

I problemi delle alghe sono solitamente causati da un eccesso di sostanze nutritive (nitrati e fosfati) nello stagno. Dal momento in cui viene creato uno stagno, le sostanze nutritive vengono aspirate dall’ambiente. Più uno stagno invecchia, più i nutrienti sono accumulati e più è suscettibile ai problemi delle alghe. L’acqua proveniente da campi fertili, prati e pascoli, campi di alimentazione, vasche di disinfezione e campi di irrigazione accelera l’accumulo e la crescita delle alghe nello stagno.

Una crescita eccessiva di alghe può atrofizzare o sopprimere altre forme di piante acquatiche. Inoltre, la luce solare necessaria per la normale crescita sarà bloccata. Problemi con il gusto e l’odore dell’acqua potabile e talvolta anche la morte dei pesci sono anche associati all’eccessiva crescita del plancton. Le alghe filamentose e macrofite formano spesso piante dense che rendono quasi impossibile la pesca, il nuoto e altre attività ricreative. Una copertura completa può impedire la penetrazione della luce solare e limitare la produzione di ossigeno e dei componenti alimentari necessari per una buona crescita degli stock ittici. Se la presenza di alghe impedisce l’uso previsto dello stagno, si dovrebbe prendere in considerazione un metodo di controllo delle alghe.

Controllo delle alghe

L’esplosione di alghe e i tappeti di alghe filamentose possono essere rimossi con un rastrello, un caseificio o attrezzature simili. Tuttavia, questo metodo di controllo delle alghe è molto laborioso e offre solo un controllo temporaneo. In alcuni casi, le alghe sembrano ricrescere tanto rapidamente quanto vengono rimosse.

Prima di utilizzare prodotti chimici si dovrebbe considerare la possibile contaminazione delle risorse idriche domestiche e i tempi di attesa per l’irrigazione del bestiame, il consumo di pesce, il nuoto e le possibili irritazioni cutanee.

Un “controllo biologico” si verifica quando una forma di vita viene utilizzata per controllare un’altra forma di vita o per manipolare l’equilibrio biologico in modo tale che una piaga indesiderata viene colpita negativamente. È saggio essere prudenti quando si decide in merito al controllo biologico. In seguito può rivelarsi sfavorevole se la forma di vita introdotta diventa un problema più grande della peste originaria.

La “paglia d’orzo” è stata testata in Inghilterra dal Centre for Aquatic Plant Management per la possibilità di controllare il plancton e le alghe filamentose. Questi test sono proseguiti negli ultimi 15 anni. La “paglia d’orzo” e altre specie di paglia sono state usate occasionalmente negli Stati Uniti con risultati molto eterogenei e non risolverà completamente il problema.

Ulteriori informazioni e suggerimenti sulle alghe